Dott. Stefano Venturini

Dott. Stefano VenturiniDott. Stefano Venturini:
Nasce nel 1968 a Roma dove attualmente vive. Per finalità di studio e di lavoro si trasferisce molto giovane a Milano dove si Laurea nel 1993 presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Ospedale Niguarda Ca’ Granda, successivamente nel 1996 consegue la Specializzazione in Infettivologia ed Epidemiologia, più tardi chiederà ed otterrà il trasferimento presso il noto Policlinico Universitario di Tor Vergata di Roma. Nel corso della sua carriera di studi scientifici  sviluppa una particolare  propensione alle materie naturalistiche, più di tutte la veterinaria, intesa come scienza del benessere animale. Nel 2000, desideroso di avere un cucciolo da accudire e amare, dopo diverse ricerche si sofferma su uno dei più noti tra gli allevamenti italiani di Chihuahua dell’epoca, quando la razza era ancora poco conosciuta e sicuramente meno popolare di oggi (c’erano pochissimi allevamenti in tutto il territorio italiano), acquistando il suo primo bellissimo e dolcissimo esemplare di chihuahua. Grazie a questo primo soggetto compirà i primi percorsi espositivi e successivamente anche riproduttivi, producendo proprie cucciolate di alta genealogia e eccezionale morfologia che si affermeranno nelle verifiche zootecniche Enci. Fu questo l’inizio del suo percorso cinofilo, divenendo Socio Allevatore Enci ed ottenendo il prezioso Affisso di riconoscimento della propria linea di sangue (Casa Dolcechihuahua ). Questa razza di cani, famosi per essere tanto piccoli quanto coraggiosi, conquista la sua vita a tal punto che, nel 2015 decide di diventare Handler Professionista Enci e successivamente accede alla formazione per Esperti Giudici di Razza Enci. Dedica tutto il suo tempo libero al proprio allevamento a conduzione familiare, addestra personalmente i suoi cuccioli e cani adulti, partecipando a circa trenta esposizioni di bellezza Enci a carattere regionale, nazionale ed  Internazionale. Gli ottimi risultati raggiunti nelle verifiche zootecniche dimostrano il suo impegno nella selezione dei propri  soggetti  allevati, sempre nel rispetto dello standard di razza, giungendo così ad affermare concretamente  il riconoscimento della propria linea di sangue di oltre quattro generazioni.