I vari tipi di condizionamento nel cane…

0

I vari tipi di condizionamento nel cane...
 

I vari tipi di condizionamento nel cane… e la loro funzione

IL CONDIZIONAMENTO CLASSICO

Per riuscire a correggere dei comportamenti non graditi o semplicemente per incoraggiarne uno corretto in un cane, è indispensabile conoscere ed utilizzare l’apprendimento per associazione (riflessi condizionati). Il condizionamento classico è un processo di apprendimento dove: lo stimolo (uno appreso/condizionato e uno non appreso/incondizionato) e la risposta del cane sono strettamente connessi. Esso è usato spesso per insegnare al cane una postura fissa (come ad esempio il seduto o il terra) piuttosto che per insegnare un lavoro complesso, composto da diversi esercizi concatenati (come ad esempio il riporto), per il quale di solito si usa lo shaping. La teoria del condizionamento classico: (riflesso condizionato di primo tipo) prevede che uno stimolo non appreso/incondizionato sia connesso ad uno stimolo appreso/condizionato per provocare la stessa risposta, che diviene una risposta condizionata o appresa. Un riflesso è incondizionato: se lo stimolo incondizionato provoca una risposta incondizionata e non sono appresi, ma istintivi (ad esempio chiudere gli occhi quando qualcosa ti arriva velocemente sul volto). Un riflesso è condizionato: se lo stimolo condizionato provoca una risposta condizionata e cioè appresa, non istintiva. Facciamo delle piccole specifiche:

  1. Lo stimolo da condizionare deve essere inizialmente neutro.
  2. Lo stimolo condizionato e incondizionato vanno presentati assieme ripetutamente.
  3. Successivamente lo stimolo condizionato dovrà essere presentato un poco prima ma mai dopo quello incondizionato; dopo del tempo che i due stimoli non sono stati presentati assieme si necessita di eseguire la procedura di condizionamento nuovamente.

Questo processo è la base dell’apprendimento canino.

IL CONDIZIONAMENTO OPERANTE

Il condizionamento operante è un processo di apprendimento: dove la risposta del cane (comportamento desiderato) e il rinforzo sono strettamente collegati. Vista l’abilità del cane di connettere due differenti esperienze, come causa ed effetto (associazione), assieme alla motivazione e alle memorie, è molto importante conoscere ed applicare il condizionamento operante (riflesso condizionato di secondo tipo o apprendimento per prove ed errori). Il rinforzo è un qualcosa che cambia il comportamento del soggetto: e può essere positivo o negativo; entrambi aumentano la frequenza delle risposte corrette che il soggetto esprime a seguito del condizionamento. C’è una grossa probabilità che la risposta “rinforzata” si ripeta con più frequenza. Il condizionamento operante non si basa quindi sulla “presentazione” di uno stimolo che “fa eseguire” quanto richiesto, ma si basa sugli “operanti”, strumenti che uso per rinforzare il comportamento. Il rinforzo positivo: è un qualcosa che aumenta la frequenza di un comportamento quando presentato, ad esempio la consegna di un premio quando l’animale esegue quanto verbalmente richiesto. Il rinforzo negativo: è un qualcosa, un evento, che, quando rimosso, aumenta la frequenza di un determinato comportamento corretto o voluto; ad esempio un cane che abbaia eccessivamente in giardino viene bagnato con la canna dell’acqua, e per non essere bagnato, smette. Il getto d’acqua è un rinforzo negativo perché aumenta la frequenza del comportamento corretto. Nel condizionamento operante esistono anche i concetti di punizione positiva e di punizione negativa: la punizione è un operante che decresce la frequenza e l’intensità di un determinato comportamento. La punizione positiva: è un qualcosa che, quando aggiunto, abbassa la frequenza del comportamento indesiderato (ad esempio: aggiungo uno strappo di guinzaglio se il cane tira). La punizione negativa: è un qualcosa che, quando rimosso, abbassa la frequenza del comportamento errato (tolgo la ciotola del cibo al cane mentre mangia se ringhia al proprietario). Nei prossimi articoli tratteremo i rimanenti meccanismi di apprendimento… a presto!

Condividi.

Autore

avatar

Partner