Lo sapevate che un cane può essere più possessivo…

0

Lo sapevate che un cane può essere più possessivo...
 

Lo sapevate che un cane può essere più possessivo di un altro?

La possessività è la capacità del cane di impossessarsi di qualcosa, di qualcuno che lui considera di sua proprietà e che probabilmente difenderà con le altre doti del carattere a sua disposizione, quali l’aggressività e la combattività. Il cane può diventare il proprietario di un oggetto (cuccia, osso, ciotola del cibo), di uno spazio (una stanza, il giardino) e del proprietario. Avete capito bene, il cane spesso diventa egli stesso il padrone del suo padrone. Ovviamente sarà più facile per lui aggiudicarsi la proprietà di un qualcosa se la “dote”, per natura, è ben presente nel suo DNA. Il proprietario però spesso fa sì che lui diventi sempre più geloso di cose che l’animale reputa sue, perché le lascia sempre a sua disposizione: ciò significa che le “risorse” non vengono gestite nel modo corretto. Lasciare il cibo sempre a portata di “bocca”, come pure un bell’osso ricco di carne, oppure i giochi preferiti del cane a sua disposizione, sono comportamenti che possono aumentare la possessività e creare dei conflitti tra il cane e il suo proprietario. In caso di dote ben presente nel soggetto (sufficiente, corretta, marcata sono i valori attribuibili a questa qualità naturale) è utile chiedere consiglio ad un professionista addestratore per una sua corretta gestione.

LA CURIOSITA’

La curiosità è una dote molto importante; è definita come la capacità del cane di dimostrare interesse nei confronti del mondo circostante, attraverso l’uso del fiuto e della vista. È unattività esplorativa e visiva, ma soprattutto olfattiva; consente all’animale di scoprire e conoscere l’ambiente che lo circonda. Come le altre doti del carattere va esaminata singolarmente, ma è in stretta relazione con le altre qualità naturali: un cane molto curioso non sarà troppo docile, perché la curiosità lo porterà ad essere un po’ più intrapendente (ed indipendente) e meno interessato al rapporto con il proprietario. Un animale impegnato in esplorazioni visive e olfattive per lungo tempo avrà sicuramente temperamento e tempra. L’attività esplorativa porta l’animale a vivere delle esperienze, a conoscere gli ambienti e riconoscere odori a distanza di giorni. Durante la passeggiata al guinzaglio è importante far socializzare il cane, facendogli odorare una pianta, gli oggetti, le urine e anche le feci degli altri cani: privare il cane di “conoscere” significa aumentare il suo disagio e lo stress che, con buona probabilità, scaricherà in maniera scorretta e/o imprevista.

Lo sapevate che un cane può essere più possessivo...
 
La curiosità non va mai repressa in quanto il fiuto è il senso più sviluppato che ha a disposizione il cane: il lavoro puntuale e preciso dei cani da ricerca tra le macerie, anti droga e anti esplosivi viene eseguito sfruttando questo senso. Nella prossima news analizzeremo insieme i cinque sensi del cane… a presto!

Condividi.

Autore

avatar

Partner