Psicologia canina: quali sono le differenze tra carattere e comportamento?

0

Psicologia canina: quali sono le differenze tra carattere e comportamento?

 

Psicologia canina: quali sono le differenze tra carattere e comportamento?

Le qualità naturali ereditate dai genitori che influenzano il comportamento del soggetto sono:

  • Il temperamento (e soglia di stimolo);
  • la tempra;
  • la docilità;
  • la socialità;
  • la vigilanza (e tempo di attenzione);
  • l’aggressività, la combattività,
  • la possessività;
  • la curiosità.

Il carattere, assieme alle esperienze di vita, all’ambiente, alle abitudini apprese, determinano il modo di agire, corretto o meno, dell’animale. Il comportamento del cane quindi è assolutamente modificabile, a differenza del carattere, che rimarrà tale per tutta la vita. Cosa è importante fare appena il nostro nuovo compagno di vita metterà piede in casa nostra? I primi passi da muovere riguardano la comprensione della sua personalità (anche avvalendosi dell’aiuto di esperti addestratori) e l’instaurazione di un corretto rapporto uomo – cane, attraverso regole coerenti, passeggiate, cure, alimentazione corretta, primi comandi di base e premi. La famiglia dovrà stabilire delle norme che dovranno essere condivise e applicate da tutti i membri, insegnarle al cane con pazienza e occuparsi della sua educazione. Per una piacevole convivenza l’animale dovrà sporcare fuori casa, essere in grado rimanere solo e di interagire correttamente con le persone e con gli altri animali.

Psicologia canina: quali sono le differenze tra carattere e comportamento?

 
Il nostro amico, soprattutto se cucciolo, avrà bisogno poi di socializzare con altri cani, umani, ambienti, ed essere sottoposto a stimoli, nuovi e graduali, che lo aiuteranno a “fare esperienza” ed a integrarsi nella caotica società moderna. Ma come apprende il nostro nuovo amico? Quali sono i mezzi a sua disposizione per imparare a comportarsi?… Lo vedremo presto! Alla prossima news…

Condividi.

Autore

avatar

Partner