Siamo sicuri di conoscere le reali esigenze del nostro cane?

0

Siamo sicuri di conoscere le reali esigenze del nostro cane?
 

Siamo sicuri di conoscere le reali esigenze del nostro cane? Cosa gli si dovrebbe garantire?

Siamo sicuri di conoscere veramente i cani in generale e il nostro 4zampe in particolare? Siamo certi di comprendere le sue reali necessità e di provvedere al suo benessere psicofisico quotidianamente? Purtroppo svolgendo il mio lavoro tutti i santi giorni, mi rendo conto che il cane “moderno”, spesso risulta essere in uno stato confusionale, si comporta come non dovrebbe e così facendo arreca svariati disagi ai proprietari. Il numero di animali presenti sul territorio va sempre di più aumentando e sono in continuo incremento le aggressioni e le problematiche comportamentali. I canili poi, risultano essere costantemente affollati. Detto ciò, io penso che chiunque desidererebbe che il proprio cane fosse:

  • Ubbidiente se lasciato libero di scorrazzare nei prati.
  • Disciplinato in passeggiata al guinzaglio sotto casa.
  • Educato quando lo si porta a spasso in città.
  • Educato negli ambienti conviviali, come ristorante, bar, etc..
  • Abituato a rimanere da solo a casa senza provocare danni o disagio ai vicini.
  • Istruito ad espletare i bisogni fuori casa.
  • Rispettoso degli altri cani e per niente aggressivo con gli umani.

Purtroppo, molte volte accade lesatto opposto di quanto appena descritto! Certe famiglie hanno solo alcuni dei problemi di comportamento menzionati (tira al guinzaglio, non ubbidisce, soffre d’ansia da separazione, sporca in casa); in certi casi la situazione è ben più grave, con enormi disagi per la famiglia. Volete sapere di chi è la causa principale della maggior parte dei comportamenti scorretti del cane? Udite, udite… è il padrone stesso. Questo perché molti acquistano o adottano un peloso, senza conoscerne le basilari esigenze (o senza conoscere minimamente le sue caratteristiche di razza) e tendono a gestirlo in maniera errata! Ad esempio: svariati giochini a sua disposizione (sperando si diverta da solo), coccole e baci a non finire, cibo prelibato (spesso scadente pieno di appetizzanti) sempre a disposizione (con molti soggetti obesi), guinzagli e pettorine alla moda (ma per niente funzionali), maglioncini ed impermeabili variopinti (anche a cani con sottopeli importanti), cucce comode più grandi del nostro letto, etc. etc..

Siamo sicuri di conoscere le reali esigenze del nostro cane?
 
Il cane ha invece poche, ma reali, esigenze:

  • Uscire più volte al giorno (almeno tre), da casa e dal giardino di casa, per curiosare, espletare i bisogni, svagarsi.
  • Mangiare (minimo tre pasti al giorno) e bere.
  • Interagire con la famiglia, giocando con dei giochini per cani.
  • Fare delle corse nei prati o in aree attrezzate.
  • Appartenere ad un gruppo stabile, dove vigono regole semplici e coerenti.
  • Eseguire dei piccoli compiti per sentirsi utile.
  • Confrontarsi con altri cani.
  • Avere delle indicazioni (ordini) da eseguire con piacere e precisione.
  • Ottenere delle gratificazioni in caso di un comportamento corretto.
  • Essere impegnato in attività, ludiche e non, rispettando la sua natura e la memoria di razza (Agility, attività di cerca, utilità e difesa ad esempio, ma anche semplicemente fare la guardia).
  • Essere regolarmente toelettato.
  • Essere curato in caso di necessità.
  • Essere in piena forma fisica.

Il cane è sostanzialmente un animale molto semplice ed abitudinario, che vive il “momento”… se noi padroni forniremo al nostro amato amico ciò di cui lui effettivamente ha bisogno ne garantiremo il suo benessere, ottenendo in cambio: un comportamento a modo, sarà educato e rispettoso, si dimostrerà collaborativo ed appagato. Per il proprietario sarà un vero piacere averlo sempre al suo fianco, passare delle ore in sua compagnia, farlo sentire a tutti gli effetti “uno di casa”…

Condividi.

Autore

avatar

Partner