Granuloma Eosinofilico anche per Silvestro…

0


 

Granuloma Eosinofilico anche per Silvestro c’è la cura!

Ho letto la news pubblicata su Consulpets nella rubrica “Il guaito nel silenzio” del 29 di ottobre sul Granuloma Eosinofilico e visto che conosco la Veterinaria, che si è occupata con successo della cura di quella micia, ho sentito il desiderio di raccontare anch’io la mia esperienza. Mi chiamo Adriana e vivo nella zona di Padova, e sono proprietaria di un gatto meticcio bianco e nero di nome Silvestro, che ho trovato abbandonato a se stesso circa sei anni fa nel quartiere dove abito. Da adulto l’ho sterilizzato, solitamente mangiava crocchette di una marca molto reclamizzata, ma nell’agosto del 2014 ha iniziato a manifestare sulla pelle delle crosticine ed un prurito insistente. Si leccava costantemente sull’interno coscia ed anche in altre parti del corpo fino a perdere in alcune zone addirittura il pelo.  (nella foto)


 
Nell’ottobre dello stesso anno, visto il peggioramento della situazione l’ho portato dalla Dott.ssa Veterinaria Flavia Bellorini, che una volta sottoposto Silvestro a degli esami specifici, ha riscontrato la presenza di un Granuloma Eosinofilico Lineare e Aids felino; inoltre un alto livello di neutrofili, indicava un’infezione secondaria in corso. Su indicazione della Dott.ssa Bellorini ho cambiato la dieta a Silvestro, sostituendo le vecchie crocchette con una linea di tipo ipoallergeniche e integrato con fermenti lattici per innalzare le difese immunitarie intestinali. Per un periodo breve è stato somministrato del cortisone (due settimane), poiché Silvestro aveva delle gravi lesioni, quindi bisognava in modo veloce ridurre il forte prurito! La cura cortisonica, è stata affiancata da una omeopatica drenante per lenire gli effetti collaterali del cortisone ed una cura omeopatica specifica per il mio adorato! Ora come potete vedere dalla foto, grazie alla terapia della Dottoressa, il mio pelosotto sta molto bene e non ha più avuto ricadute, tipiche di questa malattia, infatti, informandomi ho visto che molti gatti afflitti da questa patologia devono convivere a vita con il cortisone!


 
Consiglio a tutti di fare una grande attenzione alle crocchette che utilizzate anche se sono conosciute… per valutarne le reali caratteristiche consiglio di consultare la nomenclatura sul retro della confezione, preferendo prodotti senza appetizzanti, antiossidanti, farine animali e soprattutto (questo lo dico per chi come me adora gli animali in genere) evitare aziende che fanno sperimentazione sugli animali!!!
Personalmente mi curo in modo olistico e seguo una dieta sana per prevenire molte malattie, quindi ho sempre pensato che la stessa cosa valesse per i nostri amici a 4 zampe! Dovevo solo trovare la Veterinaria, che abbracciasse la mia filosofia di vita… poi oltre a questo ho trovato anche un’amica!
Spero che il mio contributo possa essere di utilità ad altre persone, che come me amano gli animali e sono interessate a delle efficaci cure “alternative”… un saluto a tutti!

Condividi.

Autore

avatar

Partner