Granuloma Eosinofilico… cortisone?

0

Granuloma Eosinofilico... cortisone?
 

 Granuloma Eosinofilico… cortisone? Ma ne siete davvero sicuri?

Come prevede il format di questa rubrica, che come ben sapete è nata per raccontare esperienze realmente accadute dei nostri lettori, pubblichiamo un racconto che ha come protagonista una micetta veneta e la sua compagna “umana”, che cogliamo l’occasione per ringraziare, se non altro perché ha capito a cosa serve questa rubrica… aiutare altri pets ad affrontare e risolvere problemi in situazioni similari… pertanto… grazie Lorenza!
 
Non è facile raccontare la storia di Grace, perché ha solo due anni e mezzo e ne ha passate troppe per la sua giovane età. Da dove partire… beh iniziò tutto da un trasloco dalle connotazioni… come dire… “complicate”. Ci siamo trasferite da Verona a Padova, ma siccome non avevo ancora un alloggio sicuro, sono andata a vivere dai miei genitori, che però non volevano la mia Grace in casa; così in attesa di traslocare nella nuova abitazione, affidai per un paio di mesi la mia adorata ai più disponibili suoceri. Un giorno andandola a trovare, mi accorsi che aveva perso un po’ di pelo negli arti inferiori e insospettita, facendo un controllo più ravvicinato, le trovai dei granuli. Non avendo un veterinario di fiducia mi affidai ad uno vicino casa, che constatò che Grace aveva una malattia molto difficile da curare: il granuloma eosinofilico.
La cura decisa prevedeva la somministrazione di cortisone in pastiglie e poi successivamente per via endovenosa. Inoltre le cambiò l’alimentazione con un cibo secco secondo me tra i peggiori sul mercato… quindi… solo crocchette, niente umido perchè secondo il veterinario le peggiorava il granuloma. Grace non migliorava, anzi il pelo diventava sempre più brutto e pieno di forfora e la scorgevo spesso a grattarsi di frequente in modo morboso, creando dei veri e propri buchi nel pelo; giustamente per non farsi mancare nulla le si era gonfiato pure il labbro.

Granuloma Eosinofilico... cortisone?
 
Il veterinario le diede cortisone anche per quello e Redonyl per il pelo. Mi disse che la malattia che tormentava la piccola Grace la avrebbe accompagnata per tutta la vita. Presa dallo sconforto incominciai a piangere… per me Grace è come una figlia e vederla così mi faceva stare male. Ruppi gli indugi ed iniziai a fare delle ricerche su internet (dove se non si sta attenti si può fare ancora più confusione, poiché per ogni argomento si possono trovare più teorie) cercando casi simili per capire come venivano trattati.

Granuloma Eosinofilico... cortisone?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Decisi di interrompere la dieta alimentare prescrittami, poiché mi resi conto che l’alimento secco (molto noto e purtroppo proposto da molti veterinari) che somministravo alla piccola Grace la stava ulteriormente danneggiando, scelsi quindi un alimento secco “naturale” con caratteristiche di base diverse (senza appetizzanti, antiossidanti, farine animali etc.). Grace finalmente iniziò a migliorare le condizioni del pelo, ma tra il dicembre 2014 e il febbraio 2015, la piccola ebbe una ricaduta sempre con i medesimi sintomi: prurito, granuloma, alopecia. Nel frattempo, per caso, venni a conoscenza di una veterinaria di Padova, che utilizzava un approccio terapeutico diverso nei confronti di alcune patologie che colpiscono gli animali domestici… Così, nell’aprile di quest’anno convinta dagli scarsi risultati raggiunti sino a quel tempo, decisi che volevo percorrere una nuova strada, con la speranza che fosse quella giusta per guarire la mia piccola e pertanto mi decisi ad incontrare la Dott.ssa Flavia Bellorini, che mi propose di provare con la medicina olistica. La visita fu un po’ strana, anche perché determinati concetti li stavo affrontando per la prima volta; ne fui subito affascinata e mi resi conto che la mia pancia sfarfallava dandomi quella emozione di speranza al quale volevo assolutamente attaccarmi. La kinesiologia ci permise di capire lo stato in cui versava veramente la gatta, pertanto una volta stabilito che fegato e reni andavano curati bisognava innanzitutto disintossicarla dalle cure della medicina tradizionale. Ma la cosa che mi ha fatto capire Flavia è che una gatta con un sistema immunitario così debole, bisognava fare in modo che anche mentalmente stesse bene. <<Una gatta felice e serena avrà meno possibilità di ammalarsi>> mi disse. Ecco perché ho voluto iniziare questo racconto dal trasloco, credo veramente che lo stato d’animo di Grace abbia influenzato la sua condizione. Comunque la cura è stata molto lunga, pensare di avere risultati istantanei con un percorso che preveda l’utilizzo di rimedi omeopatici è sbagliato. Per quanto riguarda la mia “panterina” mi sono resa conto che l’Aloe ha giocato un ruolo importante per l’assorbimento dei granuli… ma essendo una neofita sicuramente tralascio qualcosa e pertanto per chi desiderasse maggiori ragguagli, può rivolgersi direttamente alla Dott.ssa Bellorini. Di sicuro mi è chiaro quanto sia stata importantissima l’alimentazione selezionata da Flavia per la mia Grace, totalmente naturale. La cosa bella di questa medicina è che viene testato tutto sull’animale tramite la kinesiologia e grazie a questa pratica sarà il peloso a dirti di cosa ha veramente bisogno. Ad oggi Grace ha un bellissimo pelo, mangia di gusto ed è tornata ad essere vivace e a giocare. Le sono rimaste negli arti anteriori due granuli. Negli arti posteriori il pelo è ricresciuto totalmente dopo qualche tempo; quindi pian pianino spero guariscano anche gli anteriori. Questo snervante percorso mi ha aiutato a capire che fortunatamente esistono delle alternative valide, che possono aiutare un animale a guarire. Infine, garantendo a Grace: stabilità, tranquillità, amore e impegno nel farla giocare, sono certa della sua condizione psicofisica. Ora come ora penso sia presto per dire se la mia micia sia guarita per sempre o se non avrà mai delle ricadute, però so con certezza di aver trovato chi potrà aiutarla nei momenti più difficili della malattia e soprattutto posso finalmente dire che sta molto bene… credo che le foto parlino da sole.

Oggi Grace, qui ritratta nella foto

Granuloma Eosinofilico... cortisone?

Condividi.

Autore

avatar

Partner