L’abbattimento dell’orsa del Trentino, assassinio o fatto lecito?

0

L’abbattimento dell’orsa del Trentino, assassinio o fatto lecito?
Immagine: l’orsa Kj2 deceduta – www.lavocedeltrentino.it 

L’abbattimento dell’orsa del Trentino, assassinio o fatto lecito?

Arriva dal Trentino il nuovo “caso Daniza”, ovverosia Kj2, leggere una sigla, Kj2, apparentemente fa molto meno impressione di leggere un nome. In quella che io credo sia una delle zone più belle ed incontaminate d’Italia, il dominatore della terra, l’uomo, ha nuovamente fatto “giustizia” ponendo fine alla vita di qualcuno che lo spaventava. Questa volta la vittima è stata Kj2, un’orsa forse un po’ irrequieta, ma che in fin dei conti faceva solamente l’orso, esattamente come previsto dal progetto Life Ursus. Per il progetto “Life Ursus“, il Trentino ha ricevuto molti soldi e si è fatto pubblicità in tutto il mondo, ma come sempre c’è un prezzo da pagare ed a pagare dopo Daniza è stata Kj2.

L’abbattimento dell’orsa del Trentino, assassinio o fatto lecito?
Immagine: Daniza quando fu liberata la prima voltawww.focus.it 

L’orso in questione è stato protagonista o almeno presunto tale, di due aggressioni, che per fortuna nessuna di queste ha avuto tragiche conseguenze. In un precedente caso, Kj2 veniva catturata e le veniva messo un collare per il rilevamento della sua posizione. L’ultima aggressione ad un umano ed al suo cane, probabilmente, è stata causata dal cane dell’escursionista, che si è salvato buttandosi da un burrone. Qua mi pongo la prima domanda: ma se era già considerata un’orsa pericolosa perché invece di liberarla non si era pensato di reinserirla in un’area circoscritta del bosco ed occuparsi poi di lei da un punto di vista sanitario ed alimentare? Un’altra buona domanda sarebbe dettata dal fatto che un’orsa che non ha paura del uomo, che invece di allontanarsi da lui lo fronteggia, arrivando allo scontro, insegnerà ai suoi cuccioli a comportarsi allo stesso modo. Non sarebbe stato il caso di sterilizzare Kj2 visto che si era riusciti a catturarla anni fa? Kj2 ha avuto cuccioli?

L’abbattimento dell’orsa del Trentino, assassinio o fatto lecito?
Immagine: Kj2 in passeggiata con i suoi cuccioli – www.ecodibergamo.it 

Il presidente della Provincia autonoma di Trento, che a sentirla parlare sembra persona saggia ed equilibrata, parla della primaria importanza della vita umana… sì d’accordo, ma gli orsi sono orsi, era ovvio, implicito e dichiarato nel progetto Life Ursus che questi sarebbero arrivati a contatto con gli umani ed ora gli orsi popolano i boschi, i boschi sono la loro casa. Non sarebbe stato il caso di porsi delle domande prima? il Governatore Ugo Rossi non poteva disporre una cattura (come in passato) e magari la “detenzione” di Kj2 in un’area adatta? La storia di Daniza la prima famosa orsa uccisa per placare gli animi di parte dei trentini non ci ha insegnato nulla? Questa uccisione, la morte di Kj2 cosa ci insegna? Quali spunti può prendere una importante regione d’Italia come il Trentino da questi avvenimenti? La politica dovrebbe occuparsi del futuro, prevenendo e non abbattendo! Anche perché non credo che in pieno progetto Life Ursus si possa continuare sulla strada dell’abbattimento continuo. Un po’ di considerazioni e di numeri: il Veneto ha approvato sanzioni per chi disturba i cacciatori, il Trentino insieme alla Toscana ed al Veneto è tra le regioni con il maggior numero (percentuale) di cacciatori; i cacciatori nel solo Trentino sembrerebbero essere oltre 12.000, la media dei cacciatori in Italia (secondo gli ultimi dati certi) sarebbe passata dal 3% del 1990 all’ 1,2% del 2007, per un totale di 751.876 cacciatori. Insomma un bel partitino politico da rimpolpare, con la paura dell’orso! Alcune aziende che producono armi da caccia non saranno sicuramente dispiaciute dell’accaduto, un partito politico (molto importante in Veneto ed in Trentino, che dovrebbe difendere il Nord Italia), in particolare modo nel caso Daniza si è schierato ancora dalla stessa parte… quella delle armi.

L’abbattimento dell’orsa del Trentino, assassinio o fatto lecito?
Immagine di: www.lifegate.it 

La domanda è, Daniza, Kj2 e gli altri orsi, hanno un valore economico? Le varie battaglia del dopo Daniza non hanno portato a nulla, immagino che anche quelle per la morte di Kj2 avranno lo stesso esito. Quello che avviene è tragicamente legale (linee guida del progetto Life Ursus), che non sia il caso di cambiare la legge? Perché i vari partiti politici e le associazioni chiedono solo ora un cambio delle linee guida (leggete il punto 5 del Link sopra) e della legge regionale? Gli orsi hanno anche un valore come tessere d’associazioni e tessere di partito? Gli orsi pagano con la loro vita interessi economico populisti? Mi faccio e vi pongo un’ultima domanda: tutti questi cacciatori che girano sulle Dolomiti e limitrofi, quanti orsi incontreranno? Ora si sentiranno più “tranquilli” e tutelati ad uccidere un orso? Quanti orsi sono già stati uccisi tra un tiro di schioppo e l’altro nascosti nell’immensità delle montagne dove nessuno vede e se qualcuno vede si fa i fatti suoi? Non è che le associazioni dei cacciatori sono a favore di queste uccisioni…? Faccio questa domanda sorridendo ma mi viene da piangere. Tra una lacrima e l’altra ci dimentichiamo dei due cuccioli di Daniza (sembrerebbero un maschietto ed una femminuccia) che spossati da un lunghissimo inseguimento hanno dovuto affrontare un lungo e duro inverno senza la loro mamma a proteggerli dal freddo.

L’abbattimento dell’orsa del Trentino, assassinio o fatto lecito?
Immagine: che immortala Daniza ed i piccoli prima della sua uccisione –  www.italiapiugiusta.altervista.org

Ci dimentichiamo sempre dei più deboli! Dove sono finiti i cuccioli di Daniza? I dominatori della terra, gli uomini, hanno ucciso anche loro?

Condividi.

Autore

avatar

Partner