Maltrattare un cane è da vigliacchi!

0

Maltrattare un cane è da vigliacchi!
 

Maltrattare un cane è da vigliacchi! Siamo davvero in grado di vivere con un cane? 

Lo scorso inverno decisi di iniziare a collaborare con Consulpets, essenzialmente per trasferire le mie competenze ed esperienze (per la rubrica sul Volontariato), a favore dei molti lettori di questo sito di informazione, visto che è quello del quale mi occupo da anni (recuperi di cani fobici, traumatizzati e/o problematici – i miei principali lavori erano e sono per lo più in collaborazione con associazioni e canili). In questo sito c’è una rubrica che è stata ideata per dare voce a degli episodi di vita vera, sia positivi che negativi, che riguardano alcuni tra i più comuni compagni di vita: cani e gatti (raccontate dai loro padroni) al fine di riportare esperienze, che un giorno possano essere utili a chi legge. Il Guaito del Silenzio, quindi nasce con lo scopo di condividere esperienze… io in realtà oggi vorrei con questa news spiegare cosa trovo deplorevole e ingiusto, cosa penso non sia accettabile, cosa sarebbe opportuno finalmente considerare di fare e cosa se non se ne fosse ancora parlato a sufficienza va fatto, nel pieno rispetto del nostro FEDELE cane. Troppi padroni… che urlano, menano e strattonano i loro cani… ecco… la parola PADRONI, in realtà a livello “UMANO” per me è già di per se sbagliata! Padroni de che!  Si è padroni di una macchina forse (Equitalia permettendo 🙂 )… si è padroni di casa (banca permettendo)… si è padroni del proprio tempo (moglie e figli permettendo)… insomma direi che il concetto è abbastanza chiaro! Quello che però mi rendo conto girando l’Italia per lavoro, non è chiaro a tutti, è che I PADRONI dovrebbero essere semplicemente dei COMPAGNI dei loro pets. LORO in realtà, la vedono già così e non fanno nulla per nascondercelo… quelli incasinati e con le idee (poche) ben confuse, sono alcuni UMANI… dispensatori di regole e ordini (che per l’amor del cielo, intendiamoci, sono fondamentali per la gestione corretta del 4zampe di turno), che però dimenticano spesso come si sta al mondo (in un mondo ideale di leatà e rispetto – cioè cane/uomo… qualcuno urlerà sono bubbole!… questa è roba dei nostri padri… ora la fuori è una giungla! Vero ma… si parla di cani ora!). Qualcuno dimentica che il cane non si comporterebbe MAI così con loro, quindi se applicassimo le stesse regole di alcuni paesi non occidentali, per par condicio ad ogni maltrattamento gratuito, dovrebbe seguire un bel morso al PADRONE, oppure come funziona oramai da anni nei paesi occidentali, dovrebbe fare causa al proprio PADRONE per stalking, mobbing, ciconvenzione, maltrattamenti, etc…. Ma LORO non lo fanno, beh certo, non possono! Vi immaginate se potessero parlare cosa direbbero di certi padroni? Loro subiscono… e udite udite, amano incondizionatamente l’aguzzino di turno! Beh, se non è amore questo, chiamatela pure Sindrome di Stoccolma! Questi spregevoli individui, hanno scelto cani selezionati per moda o per solitudine, ma senza curarsi minimamente delle loro reali attitudini!

Già sento il Gianni del terzo piano:

Gianni: << Bastaaaaaaaaaaaa finiscila di abbaiare! >>
Il cane: << ma come! Faccio la guardia e tu mi sgridi? >>
Il Gianni: << e che ca..o, ogni cristo che passa devi fare sto casino? >>.

Maltrattare un cane è da vigliacchi!
 
Ok ferma tutto, esimia testa di c…o, ti sei mai chiesto se puoi fare qualcosa di utile per fargli mettere ordine nel suo naturale istinto di difesa del territorio? Caro Gianni vorrei domandarti: lo sai o no che ti sei portato a casa un Beagle? Lo sai che se lo tieni a casa h 24, LUI ha tutti i diritti del mondo di romperti le balle? Lo sai che il tuo cane, dovrebbe fare una attività compatibile con la sua etologia almeno 2 ore al giorno (giretti per i bisogni esclusi)? Lo sai che mi piacerebbe farti vivere la vita che fai fare a lui, magari somministrandoti quella sbobba da due soldi che gli compri al supermercato e facendotela mangiare in un unico pasto al giorno? Magari… sì magari… potrei andare avanti per ore a dirti come mi piacerebbe farti sentire affinchè tu capissi, che il cane che hai scelto, ha bisogno di un sacco di cose al quale tu non provvedi! Ok niente cavolate! Il lavoro, la moglie, il capo e tutte le altre cose che vorresti rispondermi per giustificare il fatto, che sei un debole con forti e un forte coi deboli, lasciale lì… è ora di darsi una sveglia! Ti do una notizia non sei il sole! Se vuoi condividere una esperienza con una creatura speciale come un cane, ti tocca fare ogni tanto la terra… e iniziare a pensare a suoi bisogni… se no porca paletta dovevi comprarti un Tamagotchi!

Con questo dialogo vorrei dirvi: Impariamo a goderci i nostri pelosetti, che siano di razza o di razza arcobaleno, insegniamogli i comandi vieni, seduto, terra, fermo, si, no etc., insegniamogli a passeggiare insieme, cose che tutti i cani imparano. Se non lo fanno è colpa nostra, che non siamo in grado di insegnare o non ci riusciamo con quello specifico cane. Non urliamogli, non facciamogli del male, non siamo così infimi ed infami. È facile fare i super uomini con un essere indifeso che ci ama! Nel caso, farsi aiutare non è una brutta idea, di bravi educatori cinofili ce ne sono… e che cavolo, tuo figlio lo mandi o no a scuola? Per il possibile, siate voi stessi scuola di tutti i giorni, a lui piace tanto imparare da noi, insegnategli tutto quello che potete. Se avete la fortuna di fare sport insieme, fatelo con gioia vostra e del vostro cagnolino e siate FELICI! Sia nel caso dello sport che della vita di tutti i giorni… RISPETTATE il vostro amico!

Maltrattare un cane è da vigliacchi!
 
Semplici consigli per luso 🙂 : 

  • Addestratelo. 
  • Rispettatelo.
  • Curatelo.
  • Dategli del buon cibo (non quello della tavola).
  • Prendetevi cura di lui.
  • Fategli le coccole (tante… lui gradirà).
  • Parlateci.
  • Passeggiate.
  • Giocate.
  • Divertitevi.
  • AMATEVI.
Condividi.

Autore

avatar

Partner