Il vostro cane ha raggiunto la maturità sessuale, cucciolata si o no?

0

Il vostro cane ha raggiunto la maturità sessuale, cucciolata si o no?
 

Il vostro cane ha raggiunto la maturità sessuale, cucciolata si o no? E’ davvero necessario far accoppiare un cane?

Una richiesta ricorrente che mi viene fatta è la seguente: “ Salve, ho un maschio molto bello e vorrei farlo accoppiare. Lei che ha un allevamento, avrebbe una femmina disponibile? ” A questa domanda, quasi sempre uguale e preconfezionata, rispondo che sono solito pianificare gli accoppiamenti e non sono un’agenzia matrimoniale…. Ad ogni modo, per non precludermi alcunchè, comunque chiedo a che livello di bellezza sia il maschietto in questione, se è stato sottoposto ai controlli ufficiali per le patologie genetiche ereditarie, se è in grado di mostrarmi  il suo pedigree per valutarne la compatibilità con una eventuale femmina e la ragione per la quale volesse fare accoppiare il proprio cane. Il più delle volte mi viene risposto che i controlli ufficiali non ci sono “perché tanto” il cane gode di ottima salute… il pedigree non ce l’ha “perché tanto” non deve fare esposizioni… e, ciliegina sulla torta, il cane vogliono farlo accoppiare per farlo sfogare! Ho già affrontato l’argomento in un mio precedente articolo: La programmazione di un accoppiamento del Golden Retriever, per quanto riguarda l’importanza dei controlli ufficiali e del pedigree. Sul terzo punto posso affermare che i cani non si accoppiano per piacere, ma solo per istinto di riproduzione e, dunque, di sopravvivenza della specie. Per quanto questa mia ultima affermazione possa essere contrastata da scuole di pensiero differenti, passo all’analisi delle problematiche che si possono presentare nel corso di un parto, così che ci si possa rendere conto che non si tratta certo di una cosa banale, pertanto la decisione di far riprodurre il proprio cane necessita di una enorme assunzione di responsabilità. Questo vale anche e soprattutto per i proprietari di cani femmina, che vogliono “ far vivere l’esperienza al proprio cane ” e di conseguenza a loro stessi… senza pensare che potrebbero mettere a serio rischio la vita del loro amico peloso e dei cuccioli che nasceranno. Come prima cosa vorrei commentare la frase: ma tanto il parto è una cosa naturale ”. Questa frase viene utilizzata con estrema facilità e superficialità e risulta quasi sempre essere uno slogan per giustificare la mancanza di argomentazioni in merito ad una scelta così importante. Sono solito rispondere che anche la morte è una cosa naturale, ma se possiamo evitarla è meglio! 😉  Alcune mie femmine hanno avuto dei parti difficili, in alcuni casi sono dovuto ricorrere ad un cesareo, anche quando i primi cuccioli erano già nati (e ci sono state complicazioni per gli altri). Se proprio non volete tornare indietro sulla vostra decisione di fare una cucciolata, sappiate che è indispensabile la presenza di un veterinario durante il parto, unica figura professionale in grado di far fronte a situazioni d’emergenza. L’ultimo parto di una mia femmina è andato bene solo grazie alla presenza e alla capacità della mia veterinaria. Questo è il racconto di quanto è avvenuto:

“ Sapevo esattamente quando il cane avrebbe partorito, grazie al monitoraggio del progesterone, fatto per stabilire il momento più adatto per l’accoppiamento (argomento affrontato nel dettaglio in una mia precedente news: Accoppiamento e nascita dei cuccioli di Golden Retriever). Ho monitorato tutti i parametri fisiologici e gli atteggiamenti del cane, per capire quando il parto sarebbe stato imminente. Questo significa che bisogna stare con il proprio cane 24 ore su 24, rimandando tutti gli impegni, a cominciare da quelli lavorativi. E’ necessario garantire una vostra presenza in ogni istante, in attesa del momento del parto. Quando ho capito, sulla scorta delle passate esperienze, che il parto era vicino, ho avvisato la mia veterinaria, che si è precipitata da me. Dopo la fase di travaglio, il cane ha iniziato ad avere le prime contrazioni; non ci è voluto molto per capire che qualcosa non stava andando per il verso giusto, nonostante le contrazioni il primo cucciolo non veniva “espulso” normalmente. La piccola era bloccata nel canale di parto e non riusciva ad uscire in modo naturale. La veterinaria, con molta abilità, è riuscita a “tirarla fuori”, le conseguenze sarebbero state disastrose se fosse rimasta bloccata, in quanto avrebbe potuto impedire il passaggio degli altri cuccioli  con relativo soffocamento.

Il vostro cane ha raggiunto la maturità sessuale, cucciolata si o no? E’ davvero necessario fare accoppiare un cane?
 
Le complicazioni non erano tuttavia ancora finite. Il cucciolo estratto presentava un cordone ombelicale strappato alla base, dal quale fuoriusciva una piccola ernia. Si è reso necessario un intervento con alcuni punti di sutura, cosa che non avrei certo potuto fare da solo, in quanto allevatore e non medico veterinario. Senza la presenza della veterinaria ci sarebbero state conseguenze drammatiche. Dopo la nascita del primo cucciolo è filato tutto liscio, tuttavia la veterinaria ha seguito il tutto fino alla fine, per accertarsi che non ci fossero cuccioli bloccati. Questa ipotesi non era da sottovalutare, in quanto avrebbe potuto metterebbe a rischio la vita della mamma nei giorni successivi”.

Il vostro cane ha raggiunto la maturità sessuale, cucciolata si o no? E’ davvero necessario fare accoppiare un cane?
 
Questo è il racconto dell’ultimo parto affrontato… ricordatevi sempre che la gestione dei cuccioli è estremamente impegnativa e trovare per loro delle famiglie meritevoli lo è ancora di più. Pensate sempre se potrete occuparvi dei cuccioli e che fare se non riusciste a trovare per loro la famiglia giusta, i canili sono già pieni di creature senza nessuna colpa, se non quella di aver avuto la sfortuna di nascere nelle mani sbagliate! Riflettiamo sempre prima di fare scelte così importanti, facciamoci guidare dalla ragione e non dal solo istinto o entusiasmo. Chiediamoci, fino alla noia, se saremo in grado di garantire le giuste attenzioni alla mamma e ai cuccioli, non solo per due mesi ma per tutta la vita. E’ una scelta che comporta una forte assunzione di responsabilità e dobbiamo essere sicuri di poterci fare carico di ogni problema che si possa presentare, i nostri cani non devono pagare per la nostra superficialità o irresponsabilità!    

Condividi.

Autore

avatar

Partner