Volete sapere come si calcola l’Indice Glicemico?

0

Volete sapere come si calcola l'Indice Glicemico?
 

Volete sapere come si calcola l’Indice Glicemico? Volete poterlo fare da voi?

Nella precedente news abbiamo visto che cosa sono l’Indice e il Carico Glicemico, a che cosa servono e quanto sia importante la collaborazione fra questi…. Attualmente sul web si trovano delle tabelle, molto attendibili, dove si possono trovare con facilità gli indici glicemici dei vari elementi… comunque conoscere il meccanismo di come si calcola l’IG credo sia sempre una cosa utile. Va detto che la misura nasce dalla concentrazione glicemica nel sangue quando si assumono 50 gr. di glucosio. La risposta è espressa in percentuale rispetto al glucosio, che è rilasciato in relazione al tipo di cibo che viene mangiato dal nostro cane, questa percentuale nasce in funzione di una scala il cui valore massimo è da 100 in su. Esiste per facilitare il calcolo, una classificazione di base dove l’IG sarà elevato, medio e basso in funzione della rapidità in cui un alimento viene assimilato e la concentrazione di glucosio rilasciata nel flusso ematico.

Esempio:   

  • IG elevato: da 100 e oltre: glucosio 137 – pane bianco  100 – patate bollite 114 – riso raffinato 126 – riso soffiato 128 – melone 103 – carote 100 – mais soffiato 125.
  • IG medio: da 60  a 100%: pane integrale  69 – succhi di frutta 57 – saccarina e zucchero di canna 92 – riso integrale 80 – pane integrale 80 – ananas 94 – mais integrale 65.
  • IG basso: da 00 a 60 %: la frutta di media 46/54 – pane di orzo 56 – spaghetti con bassa cottura 58, scotti 100 – tutti i legumi 34/46 – orzo 36 – fruttosio 32.

Da questo si deduce che più i principi nutritivi sono complessi (ricchi di fibre), più gli zuccheri sono semplici (monosaccaridi) e più basso è l’IG.

Come abbiamo già detto, per una corretta dieta, la collaborazione che c’è tra l’IG e CG è molto importante, di conseguenza riuscire a calcolare in modo giusto questo ”rapporto” è fondamentale per cani diabetici e non; infatti un pasto abbondante di principi nutritivi con IG medio o basso, porta a una glicemia alta. Al contrario uno medio con nutrienti con un IG medio o alto porta a una glicemia più bassa.Tenendo ben presente che questo concetto è riferito ad un singolo soggetto, anche l’incidenza dell’IG e CG sulla glicemia sarà lo stesso. Il calcolo del carico glicemico, è semplice… basta dividere l’IG per 100 e il risultato moltiplicarlo per i grammi di carboidrati da consumare e avremmo il reale Carico Glicemico.

Esempio:

  1. Se il cane consuma 150 gr. di pane d’orzo (IG 56) avrà un carico glicemico di : 56 : 100 = 0,56 x 150 = 84 CG.
  2. Se consuma 75 gr. di pane bianco (IG 100) avrà un carico glicemico di : 100 : 100 = 1 x 75 =  75 CG.

Da questo si può, come ho detto in precedenza, capire come attraverso il calcolo del CG si possano utilizzare più principi nutritivi con IG diverso senza andare ad aumentare il valore glicemico. Mi raccomando questo è un esempio… in quanto ogni tipo di alimento può essere accettato o meno dal metabolismo del cane… il pane bianco va bene (ovviamente in misure sensate… un pezzettino come premio) se viene realizzato con un lievito madre e il cane non è allergico al glutine.

Condividi.

Autore

avatar

Partner