Come si svolge una seduta negli Interventi Assistiti con gli animali?

0

Come si svolge una seduta negli Interventi Assistiti con gli animali?
 

Come si svolge una seduta negli Interventi Assistiti con gli animali?

Negli articoli precedenti abbiamo visto cos’è la Pet Therapy, ma realmente come si svolge? Quando le persone mi incontrano, capita sempre che qualcuno mi chieda: “Scusi, ma in concreto cosa fate? Cosa fa l’animale?”. Negli Interventi Assistiti non è l’animale di per sé, non basta la sua sola presenza a raggiungere gli obiettivi prefissati, è lEquipe Multidisciplinare, tra cui il binomio coadiutore-pet, che guida la seduta, favorisce l’instaurarsi di una relazione tra paziente ed animale, osserva e indirizza tale relazione allo scopo di rendere ottimale la riuscita dell’intervento. Pertanto l’intera attività è preparata e programmata attraverso un’analisi svolta da un team di professionisti. Questi analizzano le problematiche del paziente, stabiliscono un percorso terapeutico, valutano in che modo l’intervento con l’animale possa rivelarsi utile, preparano la seduta, si riuniscono periodicamente per valutare il lavoro svolto ed i risultati conseguiti.

La seduta diventa quindi la parte pratica di tale processo e si compone di una serie di fasi:

  • Introduzione e conoscenza da parte del paziente del peloso.
  • Attività con l’animale che non si riduce esclusivamente al solo accarezzarlo e spazzolarlo, ma è un insieme di funzioni volte a facilitare il raggiungimento degli obiettivi preposti.
  • Commiato.
  • Preparazione all’incontro successivo.

Come si svolge una seduta negli Interventi Assistiti con gli animali?
 
Il coadiutore del cane pertanto deve saper gestire la seduta in termini di correttezza, ovvero:

  • Come s’introduce l’animale;
  • come si gestisce la relazione;
  • quale attività proporre;
  • come si prevengono gli incidenti;
  • quali attenzioni sanitarie.

Inoltre, è fondamentale aver maturato con il proprio co-operatore a 4 zampe una relazione di forte complicità e intesa, in modo tale da realizzare in modo spontaneo e non forzato tutte le interazioni. Saper condurre un cane da Pet Therapy: significa conoscerlo alla perfezione e avere il pieno controllo su di lui. Questa relazione va costruita giorno per giorno, passo dopo passo, con costanza, rispetto e pazienza. Questa situazione può compiersi solo ed esclusivamente con un cane che condivide la vita con il suo coadiutore. Ritengo che non vi siano altre vie per forgiare questa collaborazione. Noi tutti che operiamo negli Interventi Assistiti, abbiamo l’obbligo di proteggere il nostro fedele compagno, preoccupandoci innanzitutto del suo benessere, che come citato anche in altri articoli, deve venire sempre al primo posto. Per queste ragioni, consigliamo, a chi vuole intraprendere questa strada, di frequentare solo quei corsi da Coadiutore del cane dove c’è la partecipazione attiva del vostro partner. La parte pratica va “vissuta” insieme al vostro  amico a 4 zampe e sarà parte indispensabile e integrante del vostro percorso formativo.

Condividi.

Autore

avatar

Partner