La Ipocinesi nel cane…

0

La Ipocinesi nel cane...
 

La Ipocinesi nel cane e il relativo condizionamento fisico

L’ipocinesi è una malattia che: colpisce un cane sedentario che non svolge un’attività fisica minima, che non viene alimentato in modo corretto e che è sottoposto a stress psicofisici (vedi precedente news). La struttura morfologica di questo soggetto è, in linea di massima, non armonica; nel senso che può essere magro con una muscolatura ipotonica e atrofica, o al contrario, come è nella maggior parte dei casi, in sovrappeso (se non obeso), sempre con scarsa massa muscolare magra. Vediamo ora come questa malattia possa influire sulla vita del nostro cane e come agisca su i suoi organi e sistemi:

    • apparato muscolare – tendineo – articolare: il muscolo perde tonicità e volume (atrofia), di conseguenza forza e resistenza non danno supporto all’apparato scheletrico ed articolare. I tendini perdono elasticità con conseguente pericolo di strappi o stiramenti.
    • L’apparato scheletrico – articolare: essendo indebolito da una cattiva alimentazione e da una inadeguata condizione muscolare, mette il cane a rischio di fratture ossee e lesioni legamentose, a causa della riduzione della densità ossea e dallo squilibrio cellulare del tessuto osseo.
    • L’apparato cardiovascolare: viene messo particolarmente sotto sforzo con corrispondente inalzamento della frequenza cardiaca (quindi con un superlavoro dello stesso) e con la comparsa di tachicardie. A proposito di questo, trovo opportuno aprire una parentesi, al fine di rendere il più chiaro possibile questo passaggio. La cellula come è risaputo, nel corpo sia del cane che di ogni mammifero è l’unità morfo-funzionale più piccola e svolge tutte le attività necessarie per il funzionamento degli organi del cane. La cellula per poter vivere necessita di ossigeno (che ricava dalla respirazione e quindi dai polmoni) e di glucosio (che riceve tramite l’alimentazione); quindi nel caso in cui vengano a diminuire queste due componenti vi sarà un’inevitabile malfunzionamento cellulare. Pertanto riagganciandoci quindi al concetto iniziale si può dedurre che i polmoni non supportati da una tonica e trofica muscolatura, non potranno dilatarsi nel modo corretto, inibendo la giusta quantità di ossigeno necessaria per le specifiche attività di tutti gli organi, tra questi il cuore che come abbiamo specificato all’inizio è il primo a risentire di queste carenze.
    • Sistema endocrino e metabolico: anche la parte ormonale e metabolica registra:
  1. Un rallentamento del metabolismo basale (quando il cane è a riposo) e di conseguenza un eccesso di colesterolo cattivo (LDL) rispetto a quello buono (HDL) che porterà all’aumento dei trigliceridi.
  2. La scarsa capacità di trasformare il glucosio in energia, a causa della inattività motoria e dal ridotto utilizzo del metabolismo energetico, crea un aumento della massa grassa a scapito di quella magra con un aumento del peso corporeo e con il rischio di contrare il diabete.
  3. Va da se che tutti gli organi preposti al sistema endocrino , tiroide, paratiroide, pancreas, surrenali, etc., possono essere coinvolti in un imperfetto funzionamento.

La Ipocinesi nel cane...
 
CONCLUSIONE: è importante quindi, in tutte le fasi della crescita del cane, ma in particolare quella relativa all’anzianità, curare la parte motoria attraverso un “condizionamento fisico” adatto, un’alimentazione che usi del cibo opportuno (di questo ne parlerò nelle news relative all’alimentazione nei periodi della crescita del cane) e una giusta integrazione. In ultimo vorrei mettere in evidenza che un cane con questi problemi oltre che ad avere una qualità di vita molto bassa sarà preda di stress psicofisico.

Condividi.

Autore

avatar

Partner