La cura ed igiene del mantello a pelo corto…

0

La cura ed igiene del mantello a pelo corto...
 

La cura ed igiene del mantello a pelo corto del cane e del gatto

La manutenzione di questi cani prevede l’utilizzo di un cardatore da passare delicatamente, senza esagerare con la pressione della spazzola, ma soprattutto di un pettine a denti stretti da utilizzare nelle zone più corte, per rimuovere il sottopelo in eccesso. I mantelli a pelo raso (testa e zampe) possiamo tranquillamente trattarli con il guanto di gomma. Ricordatevi sempre di usare gli strumenti nel verso del pelo; è più che sufficiente una spazzolata a settimana. E’ assolutamente vietato pensare di tosare questi cani. Toglieremo a loro ogni difesa dagli agenti esterni, inoltre si modificherebbe la tessitura del pelo di copertura che diventerà opaco, morbido e perderebbe l’idrorepellenza. Ci tengo a precisare che l’idrorepellenza del pelo oltre a far scivolare la pioggia, serve anche ad impedire che lo “sporco” si attacchi al mantello. Ripeto: il pelo serve al cane, ricordatevi di rispettarlo ed adeguatevi alla manutenzione corretta. Ogni 4/6 settimane sarebbe opportuno far eseguire un bel bagnetto da un toelettatore professionista, affinché grazie all’uso di strumenti, come il soffiatore durante l’asciugatura ed al bagnetto in acqua con ozono, riesca ad asportare molto pelo morto dall’animale, cosa che eviterà che ve ne svolazzi troppo per casa e sui vostri indumenti. Inoltre un bravo professionista, durante la toelettatura del vostro cane, controllerà ogni centimetro del suo corpo, al fine di verificare che sia tutto “ok” e non vi siano, ad esempio: parassiti, arrossamenti, escrescenze, problemi alle orecchie, o altro, che spesso il proprietario non riuscirebbe a notare. Grazie a questo video potrete osservare il modo corretto di gestire il mantello un cane a pelo corto e provare a farlo da soli a casa, buona visione… nella prossima news parleremo del pelo semilungo…a presto!

 

 

Condividi.

Autore

avatar

Partner