Cosa fare se il cane è morso da una vipera?

0

Cosa fare se il cane è morso da una vipera?

 

Cosa fare se il cane è morso da una vipera? Quali sono le conseguenze? 

Nelle gite fuori porta (come ad esempio in montagna o in zone con corsi d’acqua) con il nostro amico peloso può sempre capitare di avere degli incontri imprevisti e spiacevoli. Ci sono molti pericoli legati alle morsicature e agli attacchi di animali selvatici, che nella maggior parte dei casi vengono disturbati dalla curiosità del nostro cane. Fra questi forse il più pericoloso è legato all’incontro con un serpente velenoso, in Italia sicuramente il più comune è la vipera. Non mi dilungherò sulle caratteristiche anatomiche della vipera per distinguerla dalla biscia e da serpenti innocui… di base ciò che salta all’occhio è il colore marrone e la testa triangolare che si differenzia nettamente dal resto del corpo. La ferita esito della sua morsicatura presenterà due o più piccole punture:

  • Emorragia.
  • Ecchimosi.
  • Tumefazione molto dolente.
  • Gonfiore.
  • Infiammazione dei vasi linfatici.
  • Eritema superficiale.
  • Debolezza diffusa.
  • Nausea e vomito.
  • Tremori muscolari.
  • Abbassamento della pressione.
  • Problemi di tipo coagulativo.
  • Shock cardiovascolare e ipovolemico.
  • Aritmie cardiache e segni neurologici.

I vari sintomi sono in sequenza, a seconda dei casi si presenteranno più o meno rapidamente. La prognosi è sempre  riservata/infausta, le dimensioni del cane sono fondamentali, maggiore sarà il suo peso e minori si presenteranno gli effetti. Nei primi attimi in cui ci rendiamo conto che il cane è stato morsicato dobbiamo intervenire cercando di limitare al massimo la diffusione del veleno. Un laccio emostatico anche se improvvisato (la cintura dei pantaloni, i lacci delle scarpe o una benda se abbiamo un pronto soccorso) va posto a monte della morsicatura a circa cinque centimetri; va ricordato che i tessuti che non ricevono sangue per venti minuti vanno in gangrena, perciò sarà opportuno un continuo rilascio del laccio, almeno ogni venti minuti per poi riposizionarlo più a monte. Una delle situazioni assolutamente sfavorevoli per questo tipo di pratica è dovuta dal fatto che il cane perlustrando, mette il muso dove c’è il serpente e quindi le lesioni in quella regione rendono impossibile l’utilizzo di un laccio.

Cosa fare se il cane è morso da una vipera?

 
La parte va lavata il più possibile per cercare di portare via eventuali tracce di veleno rimaste in superficie, se possibile mettere ghiaccio (è ovvio che in gita non girate con in tasca il ghiaccio… se ci riuscite mi dovete spiegare come fate 🙂 … diciamo che è un esempio nel caso l’incidente accada vicino a casa vostra) per cercare di originare una vasocostrizione. Il soggetto va fatto muovere il meno possibile, meglio portarlo in braccio o lasciarlo fermo e andare a prendere la macchina per correre di corsa dal veterinario. Come menzionato in precedenza il veleno aggredisce più apparati determinando un’insieme di danni quasi sempre reversibili, la terapia deve essere multifattoriale andando ad agire sui segni ma cercando di inibire all’origine il veleno. Si può ricorrere all’inoculazione del siero ma solo se necessario, le risposte anafilattiche sono molto frequenti.

QUINDI IN SINTESI COSA FARE

  • Far muovere il meno possibile il cane.
  • Laccio emostatico a monte.
  • Lavare con acqua fredda.
  • Veterinario.

COSA ASSOLUTAMENTE NON FARE

  • Incidere e succhiare il sangue.
  • Stringere troppo e per troppo tempo il laccio emostatico.
  • Far correre o agitare l’animale.
  • Utilizzare il siero antivipera se non sotto lo stretto controllo veterinario.

Per concludere ricordatevi sempre che il morso di vipera e il veleno iniettato sono un’emergenza veterinaria e l’esito può essere fatale, le dimensioni del cane in questo caso fanno la differenza così come la localizzazione della ferita.

Condividi.

Autore

avatar

Partner