La nutrigenomica: un nuovo approccio ad una verità antica.

0

La nutrigenomica: un nuovo approccio ad una verità antica.
 

La nutrigenomica: un nuovo approccio ad una verità antica.

Fin dai tempi degli antichi greci , i filosofi capirono il legame diretto tra un’alimentazione sana e la salute e questo pur non avendo le conoscenze scientifiche di oggi. Quindi in ogni epoca sino al più moderno XXI° secolo, vi è menzione di questo evidente connubio, tramite gli scritti dei vari filosofi (prima) e scienziati poi, che sottolinearono l’importanza della dieta nella vita di ogni soggetto, che sia a 2 o 4 zampe. Oggi sappiamo grazie alla nutrigenomica che certi principi nutritivi presenti in determinati alimenti (cibi funzionali  o supercibi), influenzano, sia nel bene che nel male, l’espressione dei geni presenti nel DNA; ma facciamo un passo indietro! Tutti gli esseri viventi, nascono con un codice genetico, che si portano dietro per tutta la vita: è per questo che non esistono due persone uguali, due cani uguali, etc (se non i gemelli omozigoti che posseggono lo stesso codice genetico). Questo codice individuale è chiamato Genoma.

La nutrigenomica: un nuovo approccio ad una verità antica.
Immagine di: www.trecani.it 

Il codice genetico di due individui (differenti) si differenzia solo per una percentuale minima dell’ordine dell’1% o meno. La novità enorme, portata dalla nutrigenomica è che si è scoperta una struttura detta Epigenoma, che circonda il DNA (il doppio filamento che contiene il genoma, il codice genetico individuale) e che fa da ponte tra l’ambiente esterno e il genoma stesso.

La nutrigenomica: un nuovo approccio ad una verità antica.
Immagine di:www.slideplayer.it

L’epigenoma è costituito da Tags (marcatori chimici che agiscono direttamente sulla espressione dei geni), che possono provenire da fonti naturali (cibo) o da fonti umane (medicine, pesticidi, inquinanti, etc.), ma mentre la conformazione del DNA rimane lo stesso per sempre e si eredita dai genitori, l’epigenoma provenendo da fonti ambientali è modificabile per tutto il decorso della vita! Potendo attivare o inibire la loro espressione, attivano o inibiscono la produzione di proteine: ad esempio possono indurre la generazione di determinati enzimi digestivi, che modificano a loro volta la digestione intestinale e quindi l’assorbimento di determinati principi nutritivi. L’azione dei Tags sull’epigenoma avviene tramite due meccanismi.

  • La metilazione del DNA (nella immagine sopra): induce la soppressione di un gene che quindi smette di produrre una determinata proteina e questa alterazione può produrre una malattia.
  • La modificazione dell’istone (nella immagine sotto): una struttura proteica presente nel nucleo di tutte le cellule che fa da rocchetto intorno al quale si avvolgono i filamenti di DNA. A seconda se il “gomitolo” che ne deriva sia piu’ o meno stretto, ci saranno geni che verranno nascosti e che non potranno piu’ “esprimersi” e geni che saranno scoperti e che invece si esprimeranno producendo determinanti proteine.

La nutrigenomica: un nuovo approccio ad una verità antica.
 Immagine di: www.jme.endocrinology-journals.org

Detto questo, è intuitivo capire le prospettive enormi che potranno nascere con ulteriori studi e soprattutto l’importanza della scienza dell’alimentazione, scienza trascurata da qualche centinaia di anni (non da tutti per fortuna), soprattutto dalla medicina ufficiale. Questa, ovviamente,  è una constatazione e non una critica… ma sta di fatto che oggi con la nutrigenomica, è la medicina ufficiale che prova scientificamente la funzione preventiva e curativa del’alimentazione nei confronti della salute umana ed animale.

Condividi.

Autore

avatar

Partner