La tosse nell’animale: un segno clinico per tante diagnosi diverse.

0

La tosse nell’animale: un segno clinico per tante diagnosi diverse.
 

La tosse nell’animale: un segno clinico per tante diagnosi diverse.

La tosse è un’improvvisa forte espirazione d’aria attraverso la glottide, accompagnata da un suono udibile e preceduta da un accentuato suono inspiratorio. Nel caso specifico stiamo prendendo in esame un serie di sintomi specifici poiché la tosse può essere generata anche da situazioni diverse dalle più comuni e aggressive patologie: collare troppo stretto, polveri nell’aria, batteri, etc.. È uno dei più potenti atti riflessi dell’organismo (nel dettaglio per il cane ed il gatto) e può essere dovuta ad una stimolazione o del nervo glossofaringeo che va alla faringe o dalle terminazioni nervose del nervo vago distribuite in laringe, trachea e grossi bronchi;  Essendo, come già detto, legata a più fattori gli apparati più coinvolti sono:

  • Apparato respiratorio;
  • apparato cardio vascolare;
  • sistema nervoso (sincope da tosse).

La frequenza e le caratteristiche spesso sono tipiche della patologia. La tosse notturna è associata agli stadi più precoci di un’insufficienza cardiaca congestizia del cuore (parte sinistra) o di un collasso tracheale. La tosse accentuata dopo un esercizio fisico o dopo una condizione di eccitazione è legata ad uno stato di tipo infiammatorio o processo irritativo a carico di laringe, trachea o grossi bronchi. La tosse aspra e prolungata provoca un interessamento delle prime vie respiratorie. La tosse leggera e sporadica invece, ha un interessamento degli alveoli polmonari o può essere un sintomo di un’insufficienza cardiaca congestizia. Quando ci si trova d’innanzi ad una tosse grassa si evidenzia la presenza di muco nelle vie aeree. L’eziologia (cioè la parte di una scienza che studia le cause di un fenomeno) è varia e spazia dalle forme infettive batteriche o virali delle prime vie respiratorie, a quelle infiammatorie come allergie, a problemi di tipo neoplastico (compreso il tumore alle tonsille), sia delle prime vie respiratorie che di quelle profonde. L’eziologia legata alla vascolarizzazione polmonare con alterazioni dell’apparato cardio vascolare, avviene in presenza di filariasi cardiopolmonare o di emboli; la tosse può anche essere collegata ad esofagiti o a polmoniti ab ingestis (il rigurgito di alimenti che invece di essere vomitato passa direttamente in cavità polmonare). Da non dimenticare le forme di strongili polmonari. Essendo un segno di una malattia, la diagnosi va effettuata in maniera precisa avvalendosi dei mezzi che la medicina ci mette a disposizione, una visita accurata sarà in grado di localizzare l’origine della tosse e quindi di poter effettuare gli esami più appropriati. Il trattamento ovviamente sarà mirato alla causa, alcune regole però si possono applicare a prescindere:

  • Non affaticare l’animale;
  • non far eccitare l’animale;
  • togliere il collare;
  • mettere umidificatori in casa;
  • togliere fonti di odori troppo forti, che possano irritare le mucose delle prime vie respiratorie.

La tosse nell’animale: un segno clinico per tante diagnosi diverse.
 
La terapia sintomatica, comprende antibiotici ad ampio spettro, farmaci broncodilatatori ed espettoranti, ovviamente sempre a patto che si eseguano visite di controllo durante il decorso clinico della malattia. Se la tosse è di origine cardiaca, la terapia sarà sia sintomatica che mirata all’insufficienza presente. Si può intervenire con prodotti a base di piante per aumentare le difese immunitarie delle prime vie respiratorie e con un blando antinfiammatorio, in questo caso un preparato a base di boswellia (antinfiammatorio e analgesico naturale) e di echinacea (pianta dall’azione immunostimolante), aiuterà sicuramente. Consiglio ad ogni modo sempre di effettuare una lastra per escludere problemi più gravi a livello toracico. L’anamnesi da parte del proprietario diventa fondamentale per poter inquadrare sin da subito il problema. Se questo segnale si riproponesse con cadenze giornaliere è consigliabile portare il soggetto subito dal Veterinario onde prendere in grave ritardo una eventuale malattia. Per concludere è bene ricordare che nel gatto la tosse è più preoccupante come evoluzione di una patologia che nel cane.

Condividi.

Autore

avatar

Partner