Adottare un cane affetto da Leishmaniosi è pericoloso?

0

Adottare un cane affetto da Leishmaniosi è pericoloso?
 

Adottare un cane affetto da Leishmaniosi è pericoloso?

Credo che ormai sia capitato a molti di portare il proprio amico a quattro zampe dal Veterinario per un semplice esame di controllo e ritrovarsi poi con un responso diverso da quello che si auspicava; nel mio caso e nello specifico i risultati davano la mia Deva positiva alla Leishmaniosi. La mia Pastorina mixed , adottata sei mesi fa da randagia sul territorio di Ginosa. Sarà che conosco questa malattia, sarà che nella mia vita di volontaria ne ho visti tanti di cani affetti da questa patologia, che in realtà non mi sono scomposta più di tanto. Purtroppo la Leishmaniosi evoca spesso paure infondate, che condannano migliaia di pelosi ad essere abbandonati dai loro proprietari (spaventati) e che successivamente ne impedisce la loro adozione in canile. La Leishmaniosi è una malattia infettiva che come ben sapete viene trasmessa attraverso la puntura di un insetto, il Flebotomo, più comunemente conosciuto come Pappatacio. L’infezione avviene già dai primi caldi, quando è attivo l’insetto vettore. Colpisce migliaia di cani ogni anno ed è una patologia endemica del centro-sud Italia da qualche anno diffusa anche al nord con focolai autoctoni in Piemonte, Valle d’Aosta e Veneto e altri in Lombardia, Liguria, Marche, Trentino e Friuli. Si presenta in due varianti: viscerale e cutanea. Il grado d’intensità va da lieve a molto grave, anche in grado alla funzionalità reale e a volte è asintomatica, come nel caso di Deva. Grande è la sofferenza e la mortificazione degli animali randagi e reclusi che convivono con questa malattia, che diventa spietata se non curata in tempo e nella maniera adeguata. Il canile è un luogo di frustrazione e mortificazione per l’animale, che lo priva di quello che più gli è congeniale per natura: la vita del branco-famiglia. Perché ciò che più aiuta la cura è la condizione di benessere dell’animale, che favorisce la reazione delle difese immunitarie alla malattia garantendo la massima efficacia delle terapie. Il cane malato di Leishmaniosi non è un cane destinato a morire, ci sono cani “leishmaniotici” che vivono la loro vita come un qualsiasi altro cane e che lasciano questa terra per altre patologie, spesso per vecchiaia.

Adottare un cane affetto da Leishmaniosi è pericoloso?
 
Un cane affetto da Leishmaniosi conduce una vita normalissima: corre, gioca, salta, pratica attività cinofile, fa tutto ciò che fanno gli altri cani, l’unica differenza è che periodicamente e poi dipende dai singoli casi, dovrà fare le analisi di routine per tenere la situazione sotto controllo, analisi che ormai andrebbero fatte comunque come verifica annuale pur non avendo un cane malato. Detto questo, vorrei davvero far capire che non c’è davvero motivo di temere questa patologia, vorrei anche aggiungere che ci sono spesso veterinari che creano allarmismi e terrore psicologico immotivato, sono coloro che probabilmente non conoscono a fondo il problema, non lo vogliono affrontare e lo tengono a distanza, ma se parlerete con bravi e preparati professionisti, vi diranno che non c’è nulla di così spaventoso o drammatico. Ci sono cani che non trovano casa solo perché hanno la Leishmania! Chiedetevi se sia giusto che un cane marcisca in un canile solo perché ha una malattia che fa paura, ma che è tranquillamente gestibile. Provate ad immaginare se foste voi ad ammalarvi e cominciaste ad essere isolati da tutti, come vi sentireste? Per un cane è la stessa cosa, un cane merita lo stesso amore e rispetto che ci aspettiamo noi in caso di difficoltà. Pensate ad aprire il vostro cuore e vi assicuro, non ve ne pentirete. Ci sono tante persone che hanno avuto la forza di superare quell’ostacolo che è la paura dell’ignoto informandosi, che hanno avuto il coraggio di andare oltre adottando un cane leishmaniotico e la loro vita è la stessa di chi ha un cane sano, guardano e vedono il loro cane, non la malattia, ma solo ciò che lui gli regala quotidianamente. Il contagio diretto da cane a uomo è assolutamente escluso in quanto l’unico modo per essere infettati dal parassita è attraverso la puntura di un vettore, quindi coccolate pure i vostri cani. Parola di volontaria, addestratrice cinofila e adottante di una creatura meravigliosa leishmaniotica.

Ci sono in realtà due cose: sapere e credere di sapere. Sapere è scienza. Credere di sapere è ignoranza.(Ippocrate)

Condividi.

Autore

avatar

Partner