È stato dimostrato scientificamente che i cani sognano come noi!

0

È stato dimostrato scientificamente che i cani sognano come noi!
 

È stato dimostrato scientificamente che i cani sognano come noi! Siamo noi gli artefici dei loro incubi?

Da uno studio pubblicato, per ora con un’intervista rilasciata a People Pets a metà ottobre, dalla Dott.ssa Deirdre Barrett docente di psicologia all’Università di Harvard, sembra appurato quello che noi abbiamo sempre sospettato… il nostro cane sogna! La scoperta più sensazionale però sarebbe che… sogni noi! Sì, noi umani, i cosiddetti: padroni – proprietari – compagni di vita. La Dottoressa Barret dice anche: “Nel cervello umano c’è un meccanismo che mantiene i muscoli attivi e in grado di muoversi anche mentre dormiamo e la stessa cosa vale anche per i cani, che condividono con l’uomo la fase Rem.” “Non c’è ragione per pensare che si comportino diversamente dagli umani. Dal momento che i cani, sono generalmente estremamente attaccati ai loro proprietari. Spesso quando dormono sognano la sua faccia, il suo odore, insomma il piacere di ricordarlo o purtroppo molto spesso, anche la paura quando sono maltrattati!”. Quindi ricapitolando…  questi sogni possano essere piacevoli, se il nostro cagnolino vive esperienze positive (giochi, allegre passeggiate insieme, premi vocali, momenti di grande affetto, etc.), ma sembrerebbe anche che i sogni possano trasformarsi in veri e propri incubi quando il 4zampe di turno vive una relazione non certo invidiabile con il suo umano di riferimento! 🙁 Ergo, maltrattarlo di giorno, implica anche un maltrattamento indiretto di notte, insomma… MALTRATTARLI (semmai ce ne fosse bisogno) si dimostra sempre di più una vera carognata!

È stato dimostrato scientificamente che i cani sognano come noi!
 
Questa fase dei sogni che conosciamo tutti come REM (Rapid Eye Movement, ma detta anche il sonno del corpo) è stata analizzata con l’ausilio di diverse tecniche quali: Tac, Risonanza Magnetica e PET. Detto ciò… ve lo ricordate cosa diceva quel “volpone” dell’Aristotele nel suo libro Storia degli animali (Historia Animalium IV secolo a.C.)? Disse in tempi non sospetti 🙂 «Sembrerebbe che non solo gli esseri umani sognano, ma anche cavalli, cani, buoi, pecore e capre; i cani addirittura mostrano i loro sogni abbaiando nel sonno». Ecco, ora abbiamo la certificazione scientifica di quello che per primo Aristotele aveva ipotizzato “solo” venti secoli fa 🙂 . Gli studi sugli animali sono diventati molto specialistici, lasciandosi alle spalle semplici supposizioni (che tra l’altro con lo studio sul DNA ci hanno dimostrato il fatto che i cani sono onnivori come illustrato chiaramente dal nostro Cesare Gilardi nell’articolo “Il cane è carnivoro o onnivoro?”) e dandoci chiare indicazioni sul loro benessere psichico oltre che fisico. Tra i consigli della Dott.ssa Barret : “Il modo migliore per regalare agli animali sogni sereni, è fargli vivere di giorno esperienze felici e poi farli dormire in un ambiente confortevole“. Sempre dalle dichiarazioni della stessa: “Anche i gatti (immaginiamo quelli di campagna) entrano in fase Rem, saltellando e avventandosi su alcuni oggetti immaginati. Sembra, insomma, che siano a caccia di topi”. Detto questo, non mi stupisce che il mio gatto preferisca la caccia al topo alla mia presenza, scherzo… 🙂 . Bene, amici lettori, abbiamo avuto un’altra dritta dalla scienza, che ci dice: “ a infamoniiiiii  a er cane glie dovè volè beneeeeee… no o potete sta a maltratààààà “… vi è chiaro quindi, che non so parlare il romano, però dirvelo in stile Tomas Miliam mi sembrava adatto… a presto!

Condividi.

Autore

avatar

Partner