Gli dovremmo molto piu’ rispetto…

0


 
I reperti archeologici dei primi cani risalgono a 12-13 mila anni fa, ma le ricerche con il mt-DNA datano la nostra convivenza con il cane a circa 100 mila anni fa. Alcuni lupi iniziarono a muoversi intorno agli accampamenti umani, fungendo un po’ da spazzini. Con il tempo l’uomo, o più probabilmente le donne e i bambini, hanno allevato cuccioli di lupo e selezionato gli individui più socievoli e miti, meno paurosi e aggressivi, che sono diventati cani. I primi cani venivano utilizzati dall’uomo come “sentinelle”. Negli accampamenti dormivano più tranquilli sapendo che i lupi-cani avrebbero avvertito abbaiando all’avvicinarsi di estranei. In questo modo, dormendo meglio l’uomo poteva migliorare le sue capacità di apprendimento e cognitive.
L’uomo imparò dal lupo a cacciare e a cooperare in gruppo per catturare animali molto grandi e in seguito collaborarono nella caccia. Poi, con il passare dei secoli il lupo, diventato ormai cane domestico, collaborò con l’uomo per allevare il bestiame. Da lì a poco, in alcuni gruppi umani incominciò a non essere soltanto compagno di caccia o pastore, ma compagno di vita. L’uomo e il cane si sono evoluti insieme: “co-evoluzione” e non sarebbero quello che sono se non avessero convissuto per tante migliaia di anni. Nel tempo sono state selezionate le razze che tutt’ora conosciamo e che l’uomo continua a selezionare, ma non più per cercare una collaborazione evolutiva, ma solo per business e per rendere il cane con caratteristiche più idonee rispetto a situazioni differenti.
Credo che si debba molto più rispetto a questo essere meraviglioso che ci ha aiutato ad essere quelli che siamo.

Condividi.

Autore

avatar

Partner